Come coltivare i pomodori in vaso

Vorresti coltivare il pomodoro ma non hai un giardino?

Beh, ho una buona notizia per te… Puoi piantare i tuoi pomodori anche sul balcone di casa, usando dei vasi!

Ti darò tutte le dritte e i segreti per coltivare pomodori in vaso saporiti e succosi, per farci una bella insalata, una caprese, un sughetto fresco o qualsiasi alimento desideri!


Come coltivare pomodori in vaso

Qui di seguito ti presentiamo come coltivare i pomodori in vaso:

1. Scegli il posto giusto

Coltivare-pomodori-in-vaso

La cosa da sapere è una sola: la tua piantina di pomodoro AMA il sole!

Dovrai scegliere un posto sul tuo balcone dove possa ricevere il sole anche diretto o, comunque, una buona illuminazione.

Scegli il lato del balcone o della terrazza che è esposto a sud ma anche sud-est o sud-ovest.

In questo modo, la pianta avrà almeno mezza giornata, sei o sette ore in cui può godere a pieno del sole.

Con queste condizioni crescerà in modo perfetto e avrà un equilibrio vegetativo tra la parte delle foglie e quella dei fiori e quindi, poi, dei frutti.


2. Trova la varietà di pomodoro adatta a te

Per coltivare i pomodori sul balcone, devi scegliere le varietà adatte!

I migliori sono i pomodorini: ciliegino, datterino, piccadilly, piennolo e i pomodorini neri.

Queste tipi di pomodori sono più rustici, resistenti agli eventi atmosferici e ai parassiti ma anche a periodi di scarsa umidità del terreno.

Sono capaci di adattarsi rapidamente a condizioni diverse e danno una produzione fruttifera maggiore.

Infine, sono molto versatili negli usi in cucina! I pomodorini in vasetto possono essere mangiati al naturale, in insalata, per preparare gustosissimi sughetti o squisite conserve.

I classici pomodori da insalata (cuore di bue, tondo liscio) sono un po’ troppo delicati per la coltivazione in vaso. Lo stesso discorso vale per i pomodori da sugo come i San Marzano.

Ovviamente non è vietato, puoi comunque piantare questi pomodori sul balcone!

Puoi anche conservare i semi di pomodoro quando li mangi per piantarli.

L’unico problema è che, se vuoi avere una buona resa, dovresti disporre di molto spazio per coltivarli in gran numero.

Infine, scegli delle piantine di pomodoro che non crescano molto: quei 100-120 cm che ti permettano di coltivarle agevolmente in vaso.

3. Procurati il vaso giusto

Procurati-il-vaso-giusto-per-pomodori

Curare i pomodori sul balcone non è difficile. Ma va bene QUALSIASI vaso?

Mmm direi di no.

Il vaso deve essere almeno di 45 centimetri di diametro. Questo perché il pomodoro è una pianta generosa, ci darà molti frutti però ha bisogno di terreno per crescere e molti elementi nutritivi.

Quindi se vogliamo avere una bella pianta di pomodori che cresca forte e rigogliosa ha anche bisogno di parecchio spazio.

Scegli sempre un vaso con molti fori di drenaggio sul fondo, per evitare ristagni di acqua!

Ultima questione: quante piante di pomodoro in un vaso da 45 centimetri?

Una, non di più.

ISOLA I TUOI VASI!

Se il tuo vaso prende il sole diretto per molte ore al giorno, la pianta andrà facilmente in sofferenza da stress termico e può appassire. Puoi evitare questo usando una protezione esterna al vaso, come un controvaso o una coibentazione.


4. Usa sempre un terriccio per vaso di alta qualità

Ora abbiamo la piantina di pomodoro e il vaso. Cosa manca?

La terra!

La prima cosa da fare è mettere l’argilla o pomice – tipo sassolini – sul fondo del nostro vaso.

Questo perché sul fondo ci sono un sacco di forellini e questi sassolini li andranno a chiudere. Se mettessimo direttamente la terra nel vaso, questa uscirebbe dai fori.

Mettiamone circa 3 centimetri sul fondo per creare uno strato drenante.

Quando avrò messo la pianta a dimora, l’acqua sgronderà verso il fondo e troverà uno strato molto permeabile costituito da questi sassolini di pomice e defluirà facilmente nel sottovaso. In questo modo la pianta non soffrirà di ristagni idrici.

Il terriccio dovrà essere soffice. Possiamo usare un terriccio universale.

Il pomodoro in vaso cresce bene nei terreni che hanno un pH compreso tra 5.5 e 7,5. Insomma, un suolo neutro o leggermente basico.

I terricci universali più o meno hanno un pH di 6,5-7 e quindi sono adattissimi alla nostra pianta di pomodoro.

Acquistane almeno 50 litri, perché ci andranno quasi tutti nel vaso!

5. Concima le piante di pomodoro

La pianta ci darà anche 3-4 kg di pomodori coltivati in vaso: per questo ha bisogno di essere MOLTO nutrita!

Il pomodoro ha un fabbisogno elevato di elementi nutritivi principali, quali azoto, fosforo e potassio.

Il concime per pomodori perfetto è il letame di ovino, perché ha una buona quota di azoto e di potassio, che il pomodoro ama molto.

Sono sufficienti 3kg di letame maturo di ovino per farlo crescere bene.

Se non trovi il letame maturo di ovino, ci sono delle alternative:

  • Letame maturo di bovino
  • Letame di equino con aggiunta di potassio
  • Stallatico pellettato
  • Concimi minerali naturali

Ovviamente, man mano che si va avanti in questa lista, più peggiorerà la produzione fruttifera di tuoi pomodori.


6. Pianta bene i pomodori

Pianta-bene-i-pomodori

Prima di proseguire con la guida pratica, una cosa ESSENZIALE:

Quando piantare i pomodori?

Se la domanda è “quando seminare pomodori”, i semi di pomodoro vanno piantati nei mesi di gennaio e febbraio.

Noi però ti consigliamo di iniziare da una piccola piantina già formata da travasare, che è più semplice da curare e più rapida a crescere.

Il periodo migliore per il travaso è in questo caso verso aprile – maggio.

Torniamo a come piantare i pomodori:

  • Dopo aver messo l’argilla espansa, aggiungi una decina di centimetri di terriccio.
  • Versa un terzo del concime per pomodori (vedi il consiglio 9)
  • Mescola bene terriccio e letame
  • Aggiungi altri 10 centimetri di terriccio e un altro terzo di letame
  • Continua così finché non avrai usato tutto il concime per pomodori

Ora trapiantiamo il pomodoro in vaso.

Teniamo il vasetto e tiriamo fuori il pane di terra. Dovrai posizionarlo al centro, dove avremo scavato una piccola buca delle dimensioni del pane di terra delle piantine di pomodoro.

Avvenuta la messa a dimora, vai a coprire con nuovo terriccio fino a un centimetro sopra il pane di terra.

Schiaccia e compatta.

Complimenti, il tuo bel pomodoro è pronto a crescere!

7. Aggiungi un supporto per la crescita

A questo punto posizioniamo subito il tutore!

Di solito, io utilizzo delle semplici canne da stagno, però si può usare ciò che si ha. L’importante è posizionarlo vicino alla pianta ma senza ferire l’apparato radicale.

Va infilato fino in fondo al vaso, così diventa stabile e può tenere su la nostra pianta durante il suo periodo vegetativo.

Il pomodoro arriverà anche 1,30-1,40 metri, quindi dovrà essere molto stabile!

Mentre la pianta cresce dovrai legarla al tutore con dei fili morbidi gommati, così da non rovinare la pianta.

QUANTO PRODUCE UNA PIANTA DI POMODORO

Una pianta di pomodoro può arrivare a produrre da 2 a 5 kg di frutti nel corso di una stagione.

8. Copri il terreno con pacciame

La pacciamatura è MOLTO importante, sia per la coltivazione del pomodoro in campo che in vaso.

Con cosa la facciamo?

Possiamo farla sia con materiale organico, per esempio:

  • Segatura
  • Corteccia
  • Foglie
  • Paglia
  • Erba secca

È bene proteggere la pacciamatura affinché non voli via, coprendola con materiali inorganici come argilla espansa, sassolini o una rete.

Con questa pacciamatura le piante di pomodoro riescono anche a non presentare il marciume apicale.

Questo perché il marciume apicale si presenta soprattutto a causa di stress idrici o termici, che portano la pianta a non assorbire bene il calcio.

Inoltre si riducono anche le innaffiature perché l’acqua evaporerà più lentamente.

9. Annaffia i pomodori regolarmente

Annaffia-i-pomodori-regolarmente

Coltivare i pomodori senza acqua… Non è possibile.

All’inizio, annaffia abbondantemente i pomodori, anche esagerando!

Non preoccuparti se esce dell’acqua dal sottovaso.

Una volta messa la pacciamatura, le innaffiature dovranno essere equilibrate.

La pianta di pomodoro crescerà: aumenterà la parte vegetativa, cresceranno i fiori e i pomodori, si va verso la stagione calda e quindi le annaffiature saranno sempre più vicine.

Dovrai regolarti tu.

Controlla il terriccio con le dita: dovrà essere sempre umido ma mai troppo bagnato.

La frequenza andrà sempre ravvicinandosi man mano che la tua pianta crescerà.

Innaffia sempre durante le ore serali, in modo che la temperatura del terriccio sarà più bassa. Magari ricordati di prelevare l’acqua il giorno prima, così sarà a temperatura ambiente e la pianta non soffrirà degli stress termici.

Evita di bagnare le foglie e concentrati sul terreno.

10. Pota le piante di pomodoro

Durante la crescita la pianta dovrà essere anche potata… E la domanda vien da sé:

Come potare i pomodori?

Il metodo è eliminare i piccoli getti ascellari che crescono appunto sopra le diramazioni dei rametti. Si chiamano in gergo femminelle.

Di solito non si levano mai tutte le femminelle, sennò la pianta crescerebbe tutta verso l’alto. Se ne lasciano un po’ per equilibrare l’aspetto vegeto-produttivo.

Insomma: se la pianta cresce troppo in alto, allora smettiamo di eliminare le femminelle e lasciamole crescere un po’, finché la pianta non sarà più folta.

La pianta può anche crescere e superare il nostro tutore!

In questo caso dobbiamo andarla a “cimare”, togliendo il getto apicale.

A questo punto non crescerà più in alto ma cercherà di emettere di nuovo questi germogli laterali e la lasceremo un po’ fare.

Si rinfoltirà un po’ e questi getti potranno poi produrre di nuovo fiori e pomodori.

11. Rimuovi le piante alla fine della stagione

Terminata la stagione di crescita dovrai rimuovere le piante di pomodoro esaurite.

Se l’anno successivo userai gli stessi vasi per coltivare pomodori (ma anche peperoni, melanzane, patate) ti consigli di cambiare il suolo e di ripartire da zero.

Elimina qualsiasi residuo di terra e lava bene i vasi, quasi fino a sterilizzarli.

Per farlo puoi mettere in uno spruzzino una soluzione con una parte di candeggina e dieci parti di acqua.

UN ORTO DA BALCONE

Puoi mettere le tue piante di pomodoro sul balcone all’interno di vasi, ma puoi anche realizzare uno splendido orto verticale in cui accostare più ortaggi e piante aromatiche!

Adesso sai tutto sulla coltivazione dei pomodori! Se vuoi saperne di più, prova a dare un’occhiata a questa videoguida.