Aeonium: coltivazione, cura e caratteristiche

L’Aeonium è una pianta da appartamento assolutamente perfetta: a basso costo, richiede di pochissime cure, è super resistente, bellissima, particolare e praticamente autonoma.

Se hai poco tempo da dedicare al verde o se non sei molto portato per il giardinaggio, con l’Aeonium non puoi davvero sbagliare!

L’Aeonium

Hai mai sentito di una pianta che meno attenzioni le dai e più diventa bella?

E’ il caso dell’Aeonium, una succulenta perenne della famiglia delle Crassulaceae originaria dell’Africa e delle isole Canarie che comprende 35 varietà, tutte composte da tronchi verdi o marroni, spogli, che terminano in una rosetta di foglie carnose. La loro forma è talmente perfetta e i colori così vibranti che spesso viene scambiata per una pianta sintetica!

L’aeonium ha proprio questa peculiarità: aspettando che il terreno diventi secco prima di darle da bere di nuovo farà diventare la pianta più forte e brillante nei colori.

In base alla varietà le Aeonium possono restare basse, come l’Aeonium tabuliforme, o sviluppare lunghi gambi carnosi e nudi che si snodano verso l’alto, come l’Aeonium arboreum, l’Aeonium valverdense o l’Aeonium holochrysum.

Anche se crescono piuttosto lentamente, sono ottime piante da appartamento che raggiunta la completa maturità (5 anni) faranno anche dei bellissimi fiori.

1. Dove coltivare l’Aeonium

Dove-coltivare-Aeonium

Se vivi in una regione dal clima molto caldo puoi coltivare l’Aeonium anche all’aperto mentre se nella tua zona le temperature scendono sotto gli 0°C nei mesi freddi, dovrai tenerla all’interno.

Queste piante amano gli ambienti luminosi e asciutti. Immagazzinano l’acqua nelle loro foglie carnose e per questo hanno bisogno di pochissime annaffiature, ragion per cui dovrai piantarle in un terreno ben drenante o in un giardino roccioso.

Le foglie sono dure e robuste, riescono a resistere ai venti forti e quindi si adattano bene anche alle zone costiere.

L’Aeonium è una pianta versatile che va d’accordo con altre piante grasse e non, sia in vaso che in giardino, come il geranio Pelargonium. Potrai realizzare splendide composizioni verdi a bassa manutenzione ma dal grandissimo valore ornamentale.

2. Esigenze del Aeonium

Esigenze-del-Aeonium

Queste piante, a prescindere dalla varietà, hanno poche esigenze. Ecco tutto quello che devi predisporre per avere sempre Aeonium sani e prosperosi:

  • Luce

Come la maggior parte delle succulente, l’Aeonium ha bisogno di un’esposizione di pieno sole – ombra parziale.

Se la tieni all’aperto e vivi in una zona davvero molto calda, fai in modo che nei mesi estivi riceva dell’ombra e non si bruci con il sole diretto.

Se la tieni all’interno puoi collocarla in una posizione luminosa ma con luce indiretta.

  • Suolo

La chiave del successo risiede nel terreno. Gli Aeonium devono avere un suolo drenante con vasi dotati di ampi fori di scolo. Non possono stare in terreni ricchi e umidi, evita quindi compost o ambienti umidi perché farebbero marcire sia le radici che i rami.

Un vaso di terracotta è ideale per questo tipo di piante perché essendo poroso permette al terreno di seccarsi fra un’annaffiatura e l’altra.

Anche il substrato è importante: aggiungi 2 – 3 cm di ghiaia sul fondo del vaso in modo che l’acqua in eccesso possa scorrere via senza intoppi.

La dimensione del vaso dev’essere la stessa del pane radicale.

Alla pianta servirà anche del nutrimento pertanto aggiungi sopra al substrato un mix di compost senza torba mescolato a della perlite, a della sabbia o a della ghiaia di piccole dimensioni (proporzione 60:40).  

  • Acqua

Annaffia solo quando lo strato superiore del terreno si è seccato. Puoi fare una prova infilando il dito nella terra per un paio di centimetri.

Ovviamente dovrai ricordarti di aggiungere un sottovaso per raccogliere l’acqua che uscirà mentre la bagni.

Non riversare l’acqua fuoriuscita. La pianta avrà già trattenuto la quantità di cui ha bisogno.

Non svuotare il sottovaso: la pianta raccoglierà l’umidità anche dall’aria durante l’evaporazione.

Non mettere mai umidificatori o vaporizzatori d’aria vicino all’Aeonium o ad altre piante grasse.

In inverno le piante esposte al freddo andranno a riposo e non hanno quindi bisogno di essere bagnate.

  • Temperatura e umidità

Sono piante che amano il clima mediterraneo, né troppo caldo né troppo freddo o secco.

La temperatura ideale degli Aeonium è fra i 18 e i 25°C. In inverno possono reggere un minimo di 0°C ma solo in ambienti secchi.

In presenza di caldo eccessivo le foglie potrebbero arrotolarsi per prevenire la disidratazione.

  • Concimazione

Nei mesi da primavera a fine estate la pianta andrà concimata con un fertilizzante liquido per cactacee ogni 2 – 3 settimane.

Per vederla crescere colorata e prosperosa, scegli un fertilizzante che abbia azoto, fosforo, potassio, ferro, manganese, rame, zinco, boro e molibdeno.

3. Potatura degli Aeonium

Anche se hanno l’aspetto di piccoli alberi, gli Aeonium non hanno bisogno di essere potati ma dovrai mantenerli sempre puliti e in ordine togliendo foglie ingiallite, malate o morte.

4. Come moltiplicare l’Aeonium per talea: guida passo-passo

Come-moltiplicare-Aeonium-guida-passo-passo

Puoi facilmente moltiplicare la tua pianta di Aeonium tagliando una talea che genererà le sue radici nell’arco di un paio di settimane.

Taglia la talea durante la primavera, scegli un ramo sottile ma robusto. Anche se più giovani rispetto ad altri rami della pianta, saranno più vigorosi e butteranno le radici molto più facilmente.

Ecco tutti i passaggi per moltiplicare l’Aeonium dalla talea:

  1. Taglia una talea di circa 10 cm. Tieni lo stelo in mano e usa delle cesoie o forbici da potatura per eseguire un taglio dritto parallelo al tronco a circa 3 – 5 cm dall’attaccatura del ramo.
  2. Metti le talee in un luogo secco e caldo. Lascia che il taglio si indurisca. Questo passaggio ridurrà le possibilità che si formi del marciume radicale una volta nella terra.
  3. Inserisci la talea per 5 – 8 cm nel caso che avrai preparato con il terriccio e il substrato roccioso. Premi leggermente sulla terra in modo che la talea sia stabile nella terra ma fai in modo che almeno metà del ramo sia fuoriterra.
  4. Spargi 1 cm di ghiaia schiacciata o perlite sulla superficie dopo aver annaffiato (con delicatezza) la talea. Scuoti un po’ il vaso in modo che lo strato si diffonda in modo omogeneo. Questo primo livello drenante aiuterà la talea a gestire meglio l’acqua delle annaffiature.
  5. Non è necessario mettere la talea nella serra né avvolgerla nella pellicola trasparente ma assicurati che siano tenute all’interno, in una posizione molto luminosa (ad esempio un davanzale che riceve luce indiretta o luce diretta nelle ore del primo mattino) con una temperatura compresa fra i 18 e i 20°C.
  6. Annaffia con molta parsimonia fino a che non avranno radicato. Versa l’acqua sulla terra e mai direttamente sulle foglie. E’ importante che il terreno sia sempre piuttosto umido ma senza ristagni.

5. Problemi comuni

Problemi-comuni

L’Aeonium è una pianta estremamente resistente e facile da coltivare, oltre che da gestire, ciò non toglie che ti potresti trovare a gestire qualche problema comune.

Ecco le problematiche più frequenti e come risolverle:

  • Eccessiva acqua: è la causa più comune dei problemi di salute dell’Aeonium. Queste piante succulente provengono da regioni in cui il clima è caldo e secco e quindi hanno bisogno di vivere in condizioni simili.
  • Foglie pallide e slavate: anche in questo caso la causa è quasi certamente una dose eccessiva di acqua. Riduci le annaffiature e lascia seccare quasi completamente la terra nel vaso prima di darle nuovamente da bere. Se tieni la pianta all’interno di casa, spostarla all’esterno nei mesi più caldi dell’anno potrebbe aiutarla a riprendere colori vivaci e brillanti.
  • Una rosetta si è chiusa, le foglie più esterne sono secche e tendono a cadere: se ti accorgi di questa situazione nei mesi estivi, non preoccuparti, è normale.
  • I rami sono molto allungati e le rosette piccole: in questo caso la posizione potrebbe essere sbagliata. La pianta probabilmente si allunga in modo eccessivo per cercare la luce. Spostala in una posizione più luminosa e dovresti notare una differenza.
  • Sono comparsi dei rami “pelosi”: non sono peli ma radici aeree. Può capitare che compaiano ed è del tutto naturale, niente da preoccuparsi.

Tuttavia questo comportamento può essere un segnale che le condizioni di vita della tua pianta non sono ideali.

Può darsi che le radici interrate non ricevano abbastanza acqua. Prova ad annaffiare generosamente e poi lascia che la terra si secchi.

Somministrare poche annaffiature ma frequenti peggiora il problema e non è comunque salutare per l’Aeonium perché l’acqua deve riuscire a penetrare a fondo nel terreno.

Altre volte le radici aeree potrebbero significare che il suolo non è abbastanza drenante.

Forse hai dimenticato di aggiungere un buon substrato in ghiaia o perlite? O magari quello che hai messo non è abbastanza.

Le radici aeree potrebbero voler anche dire che la pianta non riceve abbastanza luce o che il vaso ormai è troppo piccolo e le radici stanno cercando il modo di espandersi.

  • Il tronco è marrone e moscio: significa che il tuo tronco sta marcendo e l’unica causa, anche stavolta, è l’eccessiva acqua.

Se il problema è comparso dopo il periodo invernale, significa che hai dato troppo da bere quando la pianta voleva riposare o che l’ambiente in cui l’hai messa a riposare era troppo umido, o che ha patito una gelata.

  • Ci sono delle formazioni bianche dietro alle foglie: è probabile che si tratti di cocciniglia cotonosa. Toglile una a una con un batuffolo di cotone imbevuto in dell’insetticida naturale.

6. Varietà di Aeonium da poter coltivare

Varieta-di-Aeonium

Aeonium arboreum – Ha una forma ad alberello con foglie ampie e carnose di un bel verde brillante. Quando fiorisce i suoi fiori sono gialli. E’ molto apprezzata la sua varietà “Zwartkop” che ha le foglie nere.

Aeonium nobile – Ha un fusto corto che sviluppa un’unica grande rosetta in cima, con foglie molto ampie, verdi, con sfumature rosse. La rosetta può raggiungere dimensioni ragguardevoli, anche 50 cm di diametro.

Aeonium balsamiferum – come tradisce il nome, questa varietà emana un caratteristico profumo balsamico. Ha rami grossi, un portamento ad alberello e rosette di medie dimensioni di un bel verde brillante con foglie appuntite.

Aeonium haworthii – di primo impatto sembra proprio una echeveria, con le sue grandi rosette grigio-verdi, ma il portamento ad alberello ci fa capire che è un Aeonium. Nel periodo estivo produce fiori di un tenue color giallo.

Aeonium tabuliforme – una varietà che non si sviluppa in altezza ma in ampiezza, con una singola rosetta che può raggiungere i 50 cm di diametro color verde brillante che fiorisce dando vita a una lunga pannocchia dal colore verde-giallo con una forma conica che talvolta forma un ricciolo sull’estremità.